Metalli Rari

Business miliardario nel riciclo di metalli rari

Una miniera a cielo aperto inesplorata di metalli rari e preziosi . Ecco cosa potrebbe diventare il business del riciclo di metalli rari tra qualche anno.

Business miliardario nel riciclo di metalli rari

Centinaia di milioni di sterline in metalli rari e preziosi vengono gettati via ogni anno in Inghilterra, dove telefoni cellulari e vecchi computer vengono rottamati. Il governo inglese sta lanciando un nuovo piano per aiutare le aziende del Regno Unito a trarre un beneficio dal mercato multi-miliardario per il riutilizzo di questi metalli.

Di fronte ad una crescente domanda globale di beni di consumo e ad una dipendenza dall’estero di questi metalli, il segretario per l’ambiente Caroline Spelman, ha pubblicato in questi giorni un piano, il Resource Security Action Plan, per assicurarsi che le aziende inglesi possano essere meno vulnerabili ai cambiamenti di prezzo e dell’offerta.

La Cina produce oltre il 95% di terre rare, mentre Russia e Congo sono leader nella produzione di altri metalli rari indispensabili per le tecnologie che usiamo quotidianamente, come per esempio i telefoni cellulari. L’80% dei direttori generali delle aziende, intervistati di recente dall’associazione degli industriali inglesi, hanno dichiarato che la carenza di metalli rari rappresenta un grosso rischio per l’attività della propria azienda nel 2012.

rottami elettroniciDa qui al 2020, l’Inghilterra disporrà di 12 milioni di tonnellate di apparecchiature elettroniche rottamate, contenenti metalli rari e preziosi in percentuali considerevoli: 63 tonnellate di palladio (valore 1 miliardo di sterline) e 17 tonnellate di iridio (valore 380 milioni di sterline).

Il Resource Security Action Plan prevede un finanziamento di 200 milioni di sterline per far crescere aziende che trovino nuove metodologie di riutilizzo e riciclo per questi metalli. Sono previsti supporti e investimenti per favorire, aiutare e supportare progetti per avviare nuovi business che forniscano il riciclo di metalli rari.


I metalli usati nei principali beni di consumo tecnologici includono:

  • telefoni cellulari: oro, antimonio, palladio, berillio, gallio e platino (cobalto nelle batterie);
  • laptop: cobalto e nichel (hard disk) e neodimio;
  • player mp3, cuffie e altoparlanti: neodimio;
  • batterie ricaricabili: cobalto;
  • veicoli ibridi: litio e terre rare;
  • televisori, computer e altri dispositivi elettronici: indio, cerio, lantanio, praseodimio;
  • schede elettroniche: cobalto, gallio, litio e platino;
  • gioielleria: platino;
  • veicoli: platino, palladio e rodio;
  • apparecchi medicali: platino.

 “Ma c’è anche un’opportunità multi-miliardiaria nella massiccia quantità di metalli preziosi che si perdono a causa del modo in cui approcciamo oggi i prodotti che le persone non vogliono più”, ha concluso Caroline Spelman, segretario all’ambiente.

METALLIRARI.COM © RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to a friend