Economia

I bambini-minatori del Congo

Amnesty International denuncia che le più importanti aziende tecnologiche e di auto elettriche potrebbero aver acquistato componenti a base di minerali estratti da bambini-minatori.

I bambini-minatori del Congo

Amnesty International ha denunciato che una parte del cobalto utilizzato nelle batterie al litio, proviene da miniere dove i bambini, alcuni di appena sette anni, lavorano rischiando la vita oltre ad essere sottoposti a violenze, estorsioni e intimidazioni. Per una paga di 7 dollari al giorno.

Esiste il rischio concreto che il cobalto dei bambini-minatori sia entrato nelle catene di approvvigionamento delle grandi aziende internazionali.

Circa la metà delle forniture mondiali di questo metallo proviene dalle miniere della Repubblica Democratica del Congo (RDC). Il 20% del cobalto estratto in RDC è opera dei cosiddetti minatori artigianali, piccole imprese non regolamentate nelle quali, secondo una stima dell’UNICEF del 2014, lavorano circa 40.000 bambini.

Bambini che a volte lavorano fino a 24 ore al giorno, esposti a micro polveri che provocano gravi malattie polmonari, trasportando sacchi del peso tra i 20 e i 40 chilogrammi di pietre. Alcuni lavorano in cunicoli sotterranei, altri in ruscelli o laghi dove lavano le pietre estratte.

Bambini che a volte lavorano fino a 24 ore al giorno, trasportando sacchi del peso tra i 20 e i 40 chilogrammi di pietre

Sul mercato internazionale la domanda di cobalto è in aumento, ma il settore rimane in gran parte non regolamentato e questo minerale riesce ad aggirare la legge in vigore negli Stati Uniti che obbliga le aziende a dichiarare se i propri prodotti sono conflict-free.

Secondo Amnesty International, decine di aziende sparse in tutto il mondo comprano dalla società cinese Zhejiang Huayou Cobalt, che controlla uno dei più grandi produttori della RDC, la Congo Dongfang Mining, a cui fanno capo quasi tutti i minatori artigianali.

La Zhejiang Huayou Cobalt vende il suo cobalto ai produttori di batterie di tutto il mondo. Anche aziende come Apple, Microsoft, Vodafone, Samsung, GM, Renault-Nissan, Fiat Chrysler, Volkswagen, Daimler e Tesla non sono attualmente in grado di escludere che nella loro catena di forniture ci sia cobalto proveniente dai bambini-minatori.

Le aziende in questione, in risposta alla relazione di Amnesty International, hanno risposto che indagheranno per scoprire se nella loro filiera di fornitori di cobalto ci siano società che sfruttano il lavoro minorile ma, ad oggi, non hanno informazioni complete a riguardo.

Colpisce l’attenzione di molti osservatori che, soprattutto le grandi aziende dell’High Tech, che hanno sempre sostenuto una politica di tolleranza zero verso il lavoro minorile, manifestino una totale ignoranza sulla provenienza del cobalto, un metallo così importante e vitale per molti dei loro prodotti.

METALLIRARI.COM © SOME RIGHTS RESERVED 

AGGIUNGI UN COMMENTO

1 Commento a "I bambini-minatori del Congo"

Avvisi:
avatar
Ordina per:   più recenti | meno recenti | più votati
Lucia D'Amato
Ospite

Si dovrebbe fare una campagna contro queste aziende che abusano sul lavoro minorile invogliando e informando la gente di non acquistare i loro prodotti, facendo capire che queste aziende guadagnano miliardi sulle pelle dei minori di questo paese.

wpDiscuz

Libro Metalli Rari

Send this to friend