Metalli Preziosi

Argento meglio dell’oro per i prossimi anni?

Negli ultimi mesi l’argento ha dimostrato di resistere alla discesa meglio che il passato. Secondo alcuni analisti il rapporto tra il valore oro/argento potrebbe migliorare a favore del metallo bianco nei prossimi anni.

Rispetto ai prezzi dell’oro, i prezzi dell’argento hanno tenuto bene.

Considerando la straordinaria debolezza delle quotazioni dell’oro e il comportamento storico dell’argento che ha sempre accentuato i rialzi o i ribassi del metallo giallo, l’andamento durante gli ultimi mesi del metallo bianco è stato insolito.

Le quotazioni dell’oro sono precipitate fino a toccare circa i 1.200 dollari per oncia a fine giugno e nelle ultime settimane è ridisceso fino a quasi i 1.250 dollari. L’argento ha invece mantenuto, anche nei momenti più difficili, la soglia dei 19 dollari. In altre parole il rapporto tra i due metalli è passato da 66 a 60, a significare che questa volta l’argento non ha sottoperformato la discesa dell’oro.

La maggior parte degli investitori sta ancora alla larga dai metalli preziosi, attirata dalle maggiori performance del mercato azionario

Nel 2008, il rapporto tra oro e argento era arrivato a 80, per poi arrivare a 50 quando l’argento toccò il picco di 50 dollari nell’aprile 2011.

Indubbiamente la maggior parte degli investitori sta ancora alla larga dai metalli preziosi, attirata dalle maggiori performance del mercato azionario.

Ma come qualcuno ha da tempo evidenziato, Wall Street potrebbe presto sgonfiarsi dagli eccessi accumulati negli ultimi mesi e beni rifugio come oro e argento potrebbero ritornare al centro degli interessi degli investitori, situazione già vista durante il 2008 e il 2009.


Warren Buffett, John Paulson e George Soros hanno già manifestato la loro preoccupazione per i valori eccessivi raggiunti da molti titoli azionari e hanno dichiarato che il perdurare di questa situazione non fa presagire nulla di buono per il futuro.

Difficilmente il metallo bianco potrà  tornare al suo cosiddetto rapporto storico con l’oro di 16, ma il ritorno ad un rapporto di 50, soprattutto in uno scenario di recupero delle quotazioni dell’oro, potrebbe non essere del tutto irragionevole.

METALLIRARI.COM © RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to a friend