Alluminio nei guai: adesso rischiamo di affogare nel metallo

Se gli smelter cinesi non chiuderanno i rubinetti, il mondo rischia di venir inondato di alluminio. La conseguenza sarà un lungo periodo di prezzi depressi.

Alluminio nei guai: adesso rischiamo di affogare nel metallo

È la Reuters a lanciare l’allarme. Gli smelter di alluminio in Cina sono riusciti ad aumentare la produzione del 2,4% durante i primi due mesi di quest’anno. Nel frattempo, i produttori di semilavorati di alluminio a valle, sono rimasti chiusi a causa dei blocchi imposti dal governo.

Gli smelter hanno prodotto metallo che nessuno poteva usare

Il risultato di tutto ciò è che le scorte allo Shanghai Futures Ecxhange (SHFE) sono cresciute da 185.127 tonnellate alla fine di dicembre a 519.542 tonnellate ad oggi. Gli smelter producevano metallo che nessuno poteva usare.

Ma le cose potrebbero essere ancora peggiori di come sembrano, dal momento che, secondo Reuters, potrebbe esserci quantità significative di metallo bloccato nelle fonderie a causa di problemi logistici.

In altre parole, esiste un divario considerevole tra produzione e consumo, destinato a permanere almeno fino ad aprile. Inoltre, a meno di un boom della domanda interna, i livelli delle scorte potrebbero continuare ad aumentare fino all’estate.

Il rischio di una nuova ondata di infezioni

Per quanto riguarda la domanda, sembra del tutto improbabile che ci possa essere un aumento visto che viene percepito il rischio di una nuova ondata di infezioni se le misure di controllo vengono allentate troppo rapidamente.

In questo contesto diventa più chiaro il motivo per cui i prezzi dei metalli stiano scendendo in Cina più velocemente che nel resto del mondo. Il prezzo dell’alluminio al SHFE è sceso del 12% dall’inizio di gennaio, mentre al London Metal Exchange (LME) la discesa è stata solo del 6%.

L’alluminio è condannato ad anni di prezzi bassi?

Di solito, la sovrapproduzione in Cina finisce nell’esportazione di semilavorati ma, questa volta, i mercati esteri sono destinati alla recessione. Quindi, potrebbe verificarsi per l’alluminio quello che accadde con la crisi finanziaria del 2008-2009. Allora ci vollero 10 anni per ridurre le milioni di tonnellate di inventario (in borsa e fuori borsa) accumulate in quel periodo, che hanno costituito un freno ai prezzi dell’alluminio che non riusciva ad aumentare come gli altri metalli negli anni seguenti.

Se i produttori cinesi non interverranno in qualche modo, il mercato dell’alluminio è destinato ad un prolungato periodo di prezzi bassi o stagnanti che, alla fine, provocheranno la morte di molte fonderie e produttori occidentali, che non riusciranno a tenere il passo con l’offerta a basso costo dei concorrenti cinesi.

METALLIRARI.COM © SOME RIGHTS RESERVED

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Send this to a friend