Terza-pagina

I 24 paesi dove si vive meglio nel mondo

Avete qualche dubbio sul fatto che l’Italia sia il paese più bello del mondo per vivere? Allora date un’occhiata all’ultima classifica Golden Visa di dove si vive davvero bene…

Provate a raccogliere le aspettative di vita, l’inquinamento, il tasso di suicidi, la disoccupazione, i prezzi e così via, e mettete tutto in uno shaker, agitate bene e servite, ripetendo la ricetta per ogni paese del mondo.

Il risultato sarà qualcosa di simile a quanto ottenuto da Golden Visa, il portale svizzero del Global Living, che ha confrontato i più importanti parametri che determinano l’indice di sicurezza di un’alta qualità di vita.

Interessante notare come le prime undici posizioni siano monopolizzate da paesi europei (purtroppo dell’Italia non c’è neanche una traccia) e asiatici, mentre nessuna nazione africana è riuscita nemmeno a candidarsi.

Qualcuno rimarrà sorpreso di trovare il Qatar in seconda posizione. Il paese mediorientale ha ottenuto i punteggi massimi in tutti i parametri, ad eccezione di quelli riguardanti i prezzi al consumo e l’indice di inquinamento. Molto meno sorprendenti la prima posizione di Singapore e la terza della Svizzera, che in tutte le graduatorie internazionali del genere si posizionano sempre vicine alla vetta.

La classifica Golden Visa, aggiornata con i dati del 2015, dei 24 paesi con la più alta qualità di vita del mondo è quella che segue.

  1. singaporeSINGAPORE
  2. qatarQATAR
  3. svizzeraSVIZZERA
  4. danimarcaDANIMARCA
  5. germaniaGERMANIA
  6. giapponeGIAPPONE
  7. austriaAUSTRIA
  8. norvegiaNORVEGIA

  1. finlandiaFINLANDIA
  2. islandaISLANDA
  3. estoniaESTONIA
  4. nuovazelandaNUOVA ZELANDA
  5. sveziaSVEZIA
  6. canadaCANADA
  7. repubblica cecaREPUBBLICA CECA
  8. emirati arabiEMIRATI ARABI

  1. spagnaSPAGNA
  2. sud coreaCOREA DEL SUD
  3. sloveniaSLOVENIA
  4. ciproCIPRO
  5. poloniaPOLONIA
  6. panamaPANAMA
  7. portogalloPORTOGALLO
  8. australiaAUSTRALIA

La lista completa dei parametri presi in considerazione per redigere la classifica comprende: aspettative di vita, indice di criminalità, indice di inquinamento, Global Peace Index, terrorismo, tasso di suicidi, tasso di disoccupazione, rischio di catastrofi, indice dei prezzi al consumo e qualità dell’assistenza sanitaria. Inoltre, i dati utilizzati provengono dalle Nazioni Unite, dalla World Health Organization, dalla Vision of Humanity, dall’International Labor Organization e dalla United Nations University.

Attenderemo con ansia la graduatoria del 2016 per vedere se in classifica spunterà anche l’Italia, anche se, visto come stanno andando le cose, le probabilità sembrano decisamente scarse.

METALLIRARI.COM cc SOME RIGHTS RESERVED 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

metallirari.com

il tuo LIKE sarà di grande aiuto!

smile red

Send this to a friend